Il patrimonio agroalimentare italiano: strumenti di tutela e difesa contro la contraffazione

Bitonto (BA) 31 maggio 2018

Fonte: GdF
<<Gli scandali alimentari fanno notizia, ma raramente i media approfondiscono. Così facendo seminano il panico tra i consumatori>>. Così Roberto Burdese, già presidente di Slow Food Italia, che continua <<È fondamentale imparare a riconoscere la qualità...la cultura del cibo di qualità esiste solo se i consumatori sono informati e i produttori capaci e onesti...l'agrocriminalità fattura circa 12,5 miliardi di euro annui. Il giro d’affari dell’Italian sounding – i prodotti agroalimentari contraffatti e venduti come Made in Italy – ammonta a 164 milioni di euro>>.
Di questo e altro si parlerà, anche con imprenditori del settore, nel seminario di approfondimento accreditato dal COA di Bari e organizzato dal Centro Studi Sapere Aude,  giovedì 31 maggio, ore 16.00, sala degli specchi del Comune di Bitonto.
Tra i relatori interverrà il T.Col. Pietro Romano del Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale della Guardia di Finanza