Fiera dei morti: "sequestrati prodotti contraffatti"

Perugia 6 novembre 2014

Fonte: GdF

​Più di 300 i prodotti contraffatti sequestrati. Due cittadini extracomunitari, di origine africana, denunciati alla locale Procura della Repubblica ed un cliente sanzionato per aver acquistato merce contraffatta.

E’ questo il bilancio dei controlli svolti dalla Guardia di Finanza perugina nei giorni della tradizionale “Fiera dei morti”, nella lotta al fenomeno sempre più dilagante della contraffazione ed a tutela del Made in Italy.

Per conseguire tali risultati e garantire, in ultima analisi, il regolare svolgimento delle attività commerciali, le Fiamme Gialle hanno predisposto un importante dispositivo di contrasto, attesa la presenza di numerosissimi ambulanti di origine extracomunitaria, confluiti anche dalle altre provincie e regioni limitrofe, richiamati dall’importanza dell’evento, per esporre la loro mercanzia: borse, scarpe, orologi e accessori, tutti delle migliori marche e tutti rigorosamente contraffatti.

Ed è talmente irresistibile il richiamo del capo “griffato”, così abilmente contraffatto da sembrare una perfetta riproduzione dell’originale ad un prezzo appetibile, che un acquirente è stato sorpreso dai finanzieri a comprare la merce falsa.

Nei confronti di quest’ultimo, oltre al sequestro del capo contraffatto, sono state comminate sanzioni in applicazione della nuova normativa di riferimento che prevede una pena pecuniaria compresa tra i 100 e i 7.000 euro. Il cliente ha infatti l’obbligo di accertarsi che i beni in vendita siano di legittima provenienza. In tal senso, la qualità del prodotto, la condizione di chi lo offre e l’entità del prezzo, devono indurre il consumatore, dotato di ordinaria diligenza, a ritenere che siano state violate le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti e farlo quindi desistere dall’acquisto.

I due cittadini extracomunitari, tutti in possesso di regolare permesso di soggiorno, sono stati denunciati alla locale Autorità Giudiziaria e la merce, consistente in borse, calzature, orologi, accessori di pelletteria e abbigliamento delle note griffes della moda (D&G, Prada, Hello Kitty, Ralph Lauren, Rolex, ecc.) è stata sottoposta a sequestro.

La lotta all’industria del falso ed ai prodotti contraffatti si colloca tra i principali obiettivi del Corpo ed è finalizzata alla tutela della sicurezza dei mercati, la cui stabilità viene minata anche dalla concorrenza sleale di chi sottrae alla collettività importanti risorse tramite l’evasione fiscale.