Operazione "Spiagge Sicure "

Roma 8 luglio 2015

Fonte: GdF

​Parte con la direttiva inviata a tutti i Prefetti d'Italia dal Ministro dell'Interno Angelino Alfano la nuova operazione "Spiagge sicure 2015" orientata a rafforzare le misure di prevenzione e contrasto all'abusivismo commerciale e alla contraffazione durante la stagione estiva.

«Vogliamo difendere le vacanze degli italiani che sono stanchi di essere aggrediti da commercianti abusivi» ha spiegato Alfano in una conferenza stampa presso il comando regionale della Guardia di finanza a Roma, cui ha partecipato anche il sottosegretario al ministero dello Sviluppo Economico, Simona Vicari.

Ma l'obiettivo è molto più ampio ed è quello di aggredire l'intera filiera dell'abusivismo commerciale e della contraffazione che secondo «stime affidabili - ha riferito il ministro - raggiungerà nel 2015 a livello internazionale un valore globale di 1700 miliardi di dollari, di cui 960 riferibili al commercio internazionale e, a livello nazionale secondo il Censis, è valso 6,5 miliardi in Italia solo nel 2012, con una perdita di gettito fiscale stimato di 5,2 miliardi di euro».

I prefetti italiani riuniranno dunque i comitati per l'ordine e la sicurezza pubblica a livello provinciale per adottare piani d'intervento che mirino a contrastare tutta la filiera illegale, che «non vuol dire aggredire penalmente il venditore abusivo e basta ma  risalire all' individuazione di chi produce gestisce la merce contraffatta, a coloro che hanno vere e proprie fabbriche di questi prodotti considerando - ha ricordato - che la Guardia di Finanza ha sequestrato lo scorso anno 21 di questi centri di produzione, intervenendo a monte di una filiera che spesso presenta tracce di infiltrazione della criminalità organizzata, elemento che rappresenta una priorità nella attività inquirente di contrasto».

«Il fenomeno criminale del commercio abusivo - ha sottolineato Alfano - oltre a provocare danni economici alle imprese e alla salute dei cittadini, origina una serie di reati come la truffa la ricettazione il riciclaggio, l’impiego di capitali illeciti, lo sfruttamento della mano d’opera abusiva, finendo per sfociare a volte anche nella tratta di esseri umani».

I risultati delle precedente analoga direttiva, emanata dal ministro l'8 agosto 2014 e rilanciata poi a novembre a ridosso del periodo natalizio, ha dato frutti molto positivi, confermando un trend già riscontrato dal confronto dei dati annuali 2013/2014, con un aumento del 33% delle operazioni anti abusivismo commerciale e contraffazione delle forze di polizia, un incremento del 63% delle sanzioni amministrative comminate e un +40% di denunciati e arrestati, con 343 milioni (+142%) di prodotti sequestrati.

Alfano ha ricordato il lavoro svolto con il ministero dello Sviluppo Economico, condensato in linee guida comuni sottoscritte dal sottosegretario Vicari, sugli indirizzi operativi per la stipula di protocolli, la cui attuazione spetta ai prefetti, sulla formazione degli operatori economici e dei consumatori e un focus sul monitoraggio del fenomeno.

All'incontro hanno preso parte, tra gli altri, il capo di Gabinetto del Ministro, Luciana Lamorgese, il comandante generale della Guardia di Finanza Saverio Capolupo, il capo della Polizia Alessandro Pansa e il comandate generale dell'Arma dei Carabinieri Tullio del Sette.