Operazione "Football and Cars"

Treviso 1 luglio 2014

Fonte: GdF

​I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Treviso, nell’ambito dei servizi volti alla repressione della contraffazione e alla tutela della sicurezza dei prodotti, hanno concluso una complessa attività investigativa con il sequestro di oltre 22.000 pezzi e la denuncia all’Autorità Giudiziaria di quattro imprenditori effettuando, così, uno dei più rilevanti sequestri della Guardia di Finanza della Marca.

L’operazione “Football and Cars”, sviluppata dai finanzieri della Compagnia di Treviso, ha consentito di individuare, nella zona industriale di Quinto, all’interno di un grande capannone di oltre 2.000 mq, condotto regolarmente in affitto da un imprenditore trevigiano, un vero e proprio centro di stoccaggio e di distribuzione di accessori e ricambi per veicoli abilmente contraffatti.

Durante il controllo, è stato accertato che il titolare era in possesso anche di numerosi accessori per abbigliamento e di gadget riportanti i loghi di alcune delle più importanti squadre del campionato italiano di Serie A e di numerose nazionali di calcio impegnate nei mondiali 2014 in Brasile.

I complessi riscontri, che hanno impegnato i finanzieri per quasi un anno, hanno permesso di risalire la filiera di produzione della merce contraffatta scoprendo, così, che l’intera attività traeva origine nella provincia di Como, dove è stato sequestrato un ingente quantitativo di analoghi prodotti, nonché strumentazione atta alla riproduzione illecita degli stessi e le brochure illustrative.

Tra i vari prodotti contraffatti sequestrati sulle sponde del Lario, numerosissimi riportavano i marchi “Ferrari”, “Mercedes”, “Volvo”, “Scania”, “Harley-Davidson”, “Ducati” tutti illecitamente riprodotti.

La lotta alla contraffazione e i controlli in materia di sicurezza prodotti continuano a costituire un obiettivo prioritario per la Guardia di Finanza nell’ottica di garantire la massima tutela del cittadino consumatore e il corretto andamento dell’economia.