Sequestrate scarpe e abbigliamento contraffatto

Udine 3 novembre 2014

Fonte: GdF

​La Guardia di Finanza continua senza sosta la lotta e il contrasto all’illecita commercializzazione di prodotti contraffatti, diretta a tutelare sia i consumatori che icommercianti onesti.

Nell’ambito degli ordinari controlli, infatti, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Udine hanno sequestrato nel capoluogo friulano oltre 200 capi d’abbigliamento con marchi di prestigio palesemente contraffatti, quali scarpe ed accessori d’abbigliamento. La stessa merce era detenuta per la vendita da un cittadino di origini marocchine. In particolare lo stesso è stato sorpreso mentre trasportava nei pressi della stazione ferroviaria alcuni capi contraffatti.

La successiva perquisizione effettuata presso la propria abitazione permetteva di rinvenire e quindi sequestrare ulteriore merce. Si tratta di centinaia di pezzi, tra scarpe, cinture, portafogli e borse. I brands riprodotti sono “Louis Vitton”, “Ralfh Lauren”, “Gucci”, “Burberry”, “Nike” ed “All Star”.

I finanzieri sono rimasti sbalorditi dal tipo di contraffazione, in quanto i pezzi sottoposti a sequestro sono riproducenti quasi in maniera perfetta quelli originali; in particolare le scarpe per attività sportiva riproducono fedelmente gli originali. Il soggetto extracomunitario è stato pertanto denunciato alla locale A.G..

Detto importante risultato di servizio si inquadra nella “lotta” che la Guardia di Finanza svolge per limitare gli effetti distorsivi del fenomeno “contraffazione”, che sono molteplici e incidono su differenti interessi, pubblici e privati.

La “contraffazione” provoca, infatti, un danno economico per le imprese connesso alle mancate vendite, alla riduzione del fatturato, alla perdita di immagine e di credibilità; un danno e/o un pericolo per il consumatore finale, connesso alla sicurezza intrinseca dei prodotti, in quanto viene svilita la funzione tipica del marchio, che è quella di garantire l’origine commerciale dei prodotti.

I consumatori sono in definitiva vittime più o meno consapevoli di tali fenomeni. I prodotti
contraffatti sono infatti fabbricati solitamente nel più completo disprezzo delle norme sulla
sicurezza volte a salvaguardare i consumatori.

Tali merci inoltre non sono sottoposte ai controlli effettuati dalle autorità competenti e non rispettano le norme minime di qualità.

Pertanto, una efficace lotta alla contraffazione ed alla pirateria in genere, non potrà che portare vantaggi anche per i consumatori, i quali, a loro volta, dovrebbero sviluppare un interesse personale volto ad impedire l’espandersi di tali fenomeni per loro stessi pregiudizievoli.