Sequestrati prodotti cosmetici

Macerata 17 novembre 2014

Fonte: GdF

​I finanzieri della Compagnia di Macerata hanno eseguito un controllo presso un esercizio commerciale della provincia per eseguire degli approfondimenti in materia di sicurezza prodotti, attività, questa, volta alla tutela della salute dei consumatori e degli operatori economici che operano nel rispetto delle regole.

Gli effetti della crisi economica portano i consumatori a risparmiare su tutto, ma soprattutto sull’acquisto di prodotti voluttuari, ed è proprio qui che si annidano le maggiori insidie. Gente senza scrupoli mette in vendita a prezzi bassi prodotti che possono nuocere gravemente alla salute, perché non conformi alla normativa.

Attraverso il costante controllo economico del territorio, le fiamme gialle hanno appurato che presso un esercizio venivano detenuti cospicui prodotti cosmetici, destinati alla vendita, scaduti o privi delle indicazioni minimali da riportare in etichetta quali il nome, la ragione sociale, l'indirizzo della persona responsabile del prodotto, il Paese di origine dei prodotti importati, il contenuto al momento del confezionamento, la data limite di utilizzo del prodotto cosmetico, le precauzioni per l'impiego, l'elenco degli ingredienti.

La merce sarebbe stata posta in vendita tramite il sistema dell’e-commerce o del Multi-level marketing (con vendita a domicilio).

All’atto dell’accesso, sono stati infatti rinvenute diverse migliaia di confezioni di cosmetici, quali creme per il viso, saponi, dentifrici, numerosi prodotti per bambini e neonati, sieri anti-age, tinture per capelli ed altri prodotti della specie.

Il capillare riscontro della merce ha permesso di appurare che molti di questi prodotti risultavano potenzialmente dannosi per la salute in quanto taluni riportavano scadenze antecedenti la data del controllo, altri non riportavano alcuna indicazione circa la durata minima del prodotto, altri ancora riportavano etichette strumentali ad occultare la data di scadenza e altri dati identificativi dei prodotti.

In particolare, dall’accurato controllo sono emerse diverse irregolarità, quali:
 - numerose confezioni risultavano alterate;
 - in taluni prodotti le date di scadenza erano state cancellate tramite abrasioni ben visibili;
 - per altri articoli le date di scadenza già trascorse risultavano artatamente coperte con adesivi con altre indicazioni;
 - in altri prodotti le date di scadenza erano state cancellate in tutto o in parte con l’uso di solventi.

Secondo numerosi studi specialistici, un cosmetico, superata la scadenza indicata dal produttore, anche se apparentemente sembra come nuovo, potrebbe essersi inquinato, aver cambiato pH e la sua applicazione potrebbe risultare dannosa e provocare, ad esempio, allergie, gonfiori, arrossamenti, prurito, ecc..

Per numerosi altri prodotti sono state rilevate irregolarità sulla etichettatura degli stessi, in quanto non conforme alle normative vigenti.

Conseguentemente si è proceduto al sequestro penale di circa 20 mila confezioni, sulle quali la data di scadenza era stata alterata, mentre per altri prodotti è stato effettuato il sequestro amministrativo, a causa del mancato rispetto delle disposizioni sull’etichettatura.

Complessivamente sono stati sequestrate circa 35.000 confezioni.

Il responsabile dell’azienda è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Macerata. Questa operazione conferma il ruolo della Guardia di Finanza nella tutela dei consumatori e del corretto funzionamento dei mercati.