Sequestro di prodotti non sicuri

Cagliari 31 gennaio 2019

Fonte: GdF
​Prosegue senza sosta l’attività della Guardia di Finanza di Cagliari a contrasto della  commercializzazione di prodotti non sicuri, un settore strategico cui il corpo dedica una particolare attenzione al fine di garantire, da una parte, le normali regole di concorrenza tra gli imprenditori e, dall’altra, la sicurezza del consumatore che acquista ed utilizza  prodotti che non sono stati sottoposti agli stretti controlli di qualità normati dall’unione europea e che, pertanto, costituiscono un serio rischio per la salute dell’utilizzatore finale.
È in questo contesto che si inserisce l’attività dei militari del nucleo di polizia economico-finanziaria di Cagliari – sezione diritti di proprietà intellettuale ed industriale che nei giorni scorsi, nell’ambito di uno specifico progetto di monitoraggio del territorio diretto dal Comando Provinciale, hanno sottoposto a sequestro 139.656 articoli, rinvenuti in due diversi punti vendita nella disponibilità del medesimo soggetto, per il quale è scattata la sanzione fino ad un massimo di 25.823 €.
I prodotti rinvenuti, tra i quali: accessori e complementi di arredo, bigiotteria, utensili di ferramenta e accessori per auto, erano messi in vendita in difformità alle norme stabilite dal codice del consumo, in quanto privi di qualsiasi avvertenza e delle indicazioni in lingua italiana, nonché di quelle relative al produttore, all’importatore e al paese di origine, tutti elementi che certificano il prodotto come sicuro in base ai dettami stabiliti a livello comunitario.
Sotto il profilo del contrasto alla commercializzazione di prodotti contraffatti e non sicuri, per le fiamme gialle cagliaritane il 2019 si è aperto, senza soluzione di continuità, nell’ottica di mantenere elevato il presidio di legalità nello specifico settore: l’azione di tutela della legalità continuerà a svilupparsi secondo le direttrici di costante controllo economico del territorio.