Sequestrata merce contraffatta ad Ancona

Ancona 25 giugno 2014

Fonte: GdF

​Nell’ambito di due distinte operazioni, la Guardia di Finanza di Ancona, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha sottoposto a sequestro un consistente quantitativo di accessori di capi di abbigliamento contraffatti trovati in possesso di due cittadini italiani, giunti ad Ancona a bordo di una nave proveniente dalla Grecia.

 

Nel primo caso, i Finanzieri, nel corso di un controllo dei bagagli al seguito di un quarantenne residente nel napoletano, hanno scoperto circa 800 paia di occhiali “Ray-Ban”, 400 cappellini “Louis Vuitton” e “Fendi” e 60 portafogli delle predetta casa di alta moda francese.
Nella seconda operazione, le Fiamme Gialle hanno rinvenuto 1000 foulard di varie note marche, tra cui “Burberry” e “Chanel”, occultati nei bagagli trasportati da un giovane, anch’egli residente in Campania.

 

Con molta probabilità la merce sottoposta a sequestro era destinata all’approvvigionamento degli ambulanti abusivi che quotidianamente affollano le spiagge del litorale nazionale.

I due soggetti sono stati segnalati alla locale A.G. per introduzione nello stato italiano di merce contraffatta.

L’attività di servizio posta in essere testimonia la costante attività di prevenzione e repressione esercitata dalla Guardia di Finanza al fine di contrastare il fenomeno della contraffazione, che arreca grave danno alle aziende produttrici, ai consumatori nonché alle casse dell’Erario attraverso la contestuale evasione dell’I.V.A. e delle imposte dirette.

A tale riguardo, si ritiene utile rammentare che dal 1° gennaio 2014 è stato attivato il Sistema Informativo Anti Contraffazione (S.I.A.C.), una nuova piattaforma tecnologica creata e gestita dalla Guardia di Finanza che mette in sinergia tutti gli operatori del settore, forze di polizia, titolari di marchi e privative industriali ed intellettuali con lo scopo di migliorare, a fini operativi, la conoscenza e l’analisi delle dinamiche di sviluppo dei fenomeni illeciti inerenti la diffusione dei prodotti illegali.

 

L’applicativo è accessibile anche al pubblico attraverso il sito internet https://siac.gdf.it con indicazioni e consigli pratici sulle merci contraffatte o pericolose nei diversi settori.