Sequestrati costumi, maschere e giocattoli non a norma

Rimini 21 febbraio 2017

Fonte: GdF
​La Guardia di Finanza di Rimini ha sequestrato, nei giorni scorsi, oltre 1.400 prodotti che non recavano le indicazioni minime di sicurezza previste dalla normativa nazionale e comunitaria e che disattendevano le disposizioni in tema di marcatura CE.
Con l’approssimarsi del Carnevale, sono stati intensificati i controlli sulla vendita di prodotti carnevaleschi al fine di verificare la conformità agli standard di sicurezza previsti dalla normativa comunitaria e nazionale.
Nel mirino delle Fiamme Gialle sono finiti 5 esercizi commerciali che, presi d’assalto dai consumatori in prossimità del Carnevale, hanno provveduto a riempire gli scaffali di ogni tipo di accessorio della specie.
Gli interventi hanno permesso di sequestrare diverse tipologie di articoli, tra maschere, costumi, giocattoli e trucchi, risultati non conformi ai requisiti essenziali in tema di composizione, qualità e origine, oltreché privi, in taluni casi, della marcatura CE di conformità. Addirittura, alcuni costumi, destinati anche a minori di tre anni, non solo mancavano di marchio CE, ma erano del tutto sprovvisti di qualsiasi tipo di informazione sui materiali utilizzati nella fabbricazione, con possibili rischi per la salute dell’ignaro consumatore.
A consuntivo delle attività svolte, i finanzieri del Gruppo di Rimini hanno segnalato i rappresentanti legali delle 5 società coinvolte, tutti di origine cinese, alla Camera di Commercio di Rimini ed elevato verbali con sanzioni amministrative che vanno da €1.500,00 a €10.000,00 per le violazioni in materia di marcatura CE e da €516 a € 25.000 per le violazioni attinenti ai requisiti minimi richiesti dalla Legge.