Sequestrati oltre duemila prodotti non sicuri

Modena 19 febbraio 2019

Fonte: GdF
​Nell’ambito del dispositivo di controllo economico del territorio promosso dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Modena, le Fiamme Gialle modenesi hanno sottoposto a sequestro amministrativo 2.017 articoli - comprendenti biancheria, accessori per la casa, abbigliamento e bigiotteria – in quanto non in linea con gli standard di sicurezza e di tracciabilità previsti dalla specifica normativa nazionale ed europea (in violazione agli artt. 6, 7 e 9 del Decreto Legislativo n. 206/2005 – c.d. “Codice del Consumo),.
In particolare, la merce, costituita da asciugamani, tende, pigiami, borse, collane e bracciali, per un valore commerciale complessivo di € 10.00,00 circa, ed esposta in una delle numerose “bancarelle” che ogni giovedì popolano il mercato che si svolge in piazza Ten An Men a Nonantola, è risultata essere priva delle necessarie informazioni previste dalla legge - quali l’indicazione relativa alla provenienza ed alla composizione del prodotto, la presenza di materiali pericolosi, tossici o infiammabili, nonché le istruzioni, le eventuali precauzioni e la destinazione d'uso - e, quindi, potenzialmente pericolosa per la salute dei consumatori.
Al termine delle operazioni i Finanziari della Compagnia di Modena hanno quindi proceduto al sequestro amministrativo della suddetta merce, immediatamente rimossa dagli spazi destinati alla vendita, e segnalato il venditore alla Camera di Commercio di Modena per l’applicazione delle previste sanzioni pecuniarie, che possono arrivare sino a 25.000 euro .
Gli interventi della specie, rientranti nella più ampia attività di controllo economico del territorio promossa dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Modena, perseguono il doppio obiettivo di tutelare la sicurezza dei consumatori - anche attraverso il ritiro dal commercio di prodotti potenzialmente pericolosi per la salute - e di riportare sui giusti livelli i parametri della libera concorrenza minata da coloro i quali pongono in vendita, a prezzi evidentemente più che concorrenziali,  merce non conforme agli standard di sicurezza previsti dalla normativa nazionale ed europea.