Sequestro di botti illegati a Torre Annunziata.

Napoli 31 dicembre 2016

Fonte: GdF
Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha avviato una capillare attività di contrasto ai fenomeni illeciti in materia di produzione e commercializzazione di artifizi pirotecnici illegali.
I finanzieri del Gruppo di Torre Annunziata, nel corso del controllo di un esercizio commerciale nel comune di Boscoreale (Na), regolarmente autorizzato alla vendita di artifizi pirotecnici, hanno rinvenuto batterie, razzi, spolette accenditrici e fuochi, semilavorati con miccia, illegalmente detenuti.
A seguito di tale rinvenimento, avendo fondato motivo di ritenere che il responsabile potesse detenere illecitamente ulteriori fuochi, le fiamme gialle oplontine hanno esteso la perquisizione anche all’abitazione del medesimo.
Tale attività ha permesso il ritrovamento di ulteriore materiale pirotecnico detenuto senza alcuna autorizzazione, in particolare razzi e batterie.
Complessivamente, l’operazione di servizio ha permesso di sottoporre a sequestro penale 15 metri di miccia a lenta combustione, 16 spolette di collegamento contenenti polvere nera “ritardante”, 210 razzi, 15 fuochi semilavorati con miccia, 585 accenditori elettrici e 100 batterie.
Il responsabile, un cinquantenne di Trecase (Na), è stato deferito a piede libero alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Torre Annunziata (Na) per violazione della normativa sui fuochi d’artificio.
Proseguono a tappeto, su tutto il territorio del capoluogo partenopeo e della provincia, le indagini delle fiamme gialle volte a individuare ulteriori fabbriche e stoccaggi abusivi di fuochi pirotecnici proibiti, pericolosi ordigni in grado di provocare gravi e permanenti danni alle persone.